CAI, l'Albo degli Agromeccanici ora anche in Emilia-Romagna

Comunicato n. 

(Roma, 25 ottobre 21) L’albo delle imprese agromeccaniche è una realtà: la legge regionale 21 ottobre 2021 n. 14 è già stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna. Lo rende noto la Confederazione Agromeccanici e Agricoltori Italiani, che ringrazia l’assessore regionale all’Agricoltura, Alessio Mammi, per l’impegno profuso.

La norma, più in dettaglio, prevede all’art. 4 l’istituzione dell’Albo regionale degli agromeccanici, che premia l’attività svolta dalla locale Federazione per la valorizzazione delle imprese professionali, attraverso innumerevoli e ripetuti incontri con l’assessore Mammi.

L’ultimo intervento, realizzatosi nei giorni immediatamente precedenti all’approvazione, è stata l’apertura dell’Albo a tutti gli agromeccanici professionali, e non solo agli artigiani, come era previsto nel testo originale: un’estensione che aggiunge equità al provvedimento.

L’albo consentirà alla Regione di stanziare agevolazioni e finanziamenti per l’innovazione, dall’agricoltura di precisione e per la digitalizzazione, come sostenuto dallo stesso assessore Mammi in occasione dell’incontro, lo scorso mese, con l’on. Paolo De Castro e l’on. Antonella Incerti.

Inoltre, ha puntualizzato la presidente regionale degli agromeccanici di Cai, Rossella Guizzardi, “l’albo consentirà alle imprese agromeccaniche di certificare le prestazioni svolte, in funzione della qualità e della tracciabilità”.

Da parte di Rossella Guizzardi è arrivato un ringraziamento a tutti coloro che si sono impegnati sia nella proposizione dell’emendamento alla legge regionale sia nella successiva modifica, a cominciare dal segretario regionale Michele Pedriali e dal presidente di Reggio Emilia, Roberto Ferrari, che ha tenuto gran parte dei contatti con l’assessore Mammi.

“Per quanto la legge abbia validità regionale - ha sottolineato il Presidente di Cai, Gianni Dalla Bernardina - rappresenta un decisivo passo avanti per l’approvazione di una norma di portata nazionale”.

“Ora – ha concluso Dalla Bernardina – sono già due le regioni che possono contare sull’Albo delle imprese agromeccaniche e questo fa sperare che l’emendamento proposto in tale sede possa essere approvato prima della fine della legislatura”.

 

 

Responsabile Comunicazione Cai

Sandro Cappellini

 

Servizio Stampa Cai

Roberto Guidotti        338/4098060

Matteo Bernardelli     338/5071198