Zucchero italiano, Cai sostiene la petizione di Coprob

Comunicato n. 

Vi invitiamo a sottoscrivere, collegandovi al link sotto riportato, la petizione per dare continuità alla filiera dello zucchero italiano. Una storia italiana virtuosa che oggi rischia di finire

http://www.coprob.com/petizione/

 

 

(Roma, 14 aprile 2018) La Confederazione Italiana Agromeccanici e Agricoltori Italiani sostiene la petizione di Coprob per la realizzazione di una filiera 100% italiana, che assicura il lavoro a oltre 400 imprenditori agromeccanici del Nord Italia, a 7.000 imprese agricole e a 1.500 realtà dell’indotto agroindustriale.

Anche Cai, dunque, si schiera per l’italianità della produzione che, per il presidente Gianni Dalla Bernardina, “significa garanzia di qualità, sicurezza e tracciabilità delle produzioni; lo zucchero è un ingrediente insostituibile di alcuni prodotti agroalimentari Made in Italy”. Per questo, Cai invita tutti gli associati, i produttori e i consumatori a sottoscrivere la petizione di Coprob, a sostegno della bieticoltura italiana.

Dopo il compromesso al ribasso del 2006, che ha messo in difficoltà il settore bieticolo saccarifero, alla fine di settembre dello scorso anno l’Unione europea ha detto addio alle quote zucchero, liberalizzando così un settore fino ad allora soggetto a vincoli produttivi. 

“Secondo le stime della DG Agricoltura della Commissione europea – ricorda il vicepresidente, Sandro Cappellini – nel periodo primavera 2018/primavera 2019, la produzione dovrebbe stabilizzarsi, dopo una crescita del 23% per il 2017/2018, trascinata da politiche di investimento dei principali paesi produttori dell’Ue”.

 

Servizio Stampa CAI

 

Roberto Guidotti                                                                                Matteo Bernardelli                  

Cell. 3384098060                                                                                Mob.: +39 338 5071198      

guidotti@caiagromec.it                                                                      http://twitter.com/GeorgicheJack